Crisi in Terra Santa

Come contribuire

 

CRISI IN TERRA SANTA

 

Il cessate il fuoco, entrato in vigore il 21 maggio 2021, sta resistendo nonostante persistano alcune violazioni in Cisgiordania e a Gaza. Una conseguenza della guerra sono i residui bellici esplosivi che continuano a uccidere,  oltre ad aver prodotto detriti e lasciato terreni agricoli fortemente contaminati. Le conseguenze della guerra sono state devastanti, aggravando l’impatto di quasi 14 anni di blocco da parte di Israele e le ricorrenti escalation di violenze.

Il piano di interventi d’urgenza centrato sull’assistenza sanitaria avviato da Caritas Gerusalemme a giugno 2021 in coordinamento con il Ministero della Salute, della durata di 2 mesi, si è concluso raggiungendo  11.140 pazienti di cui il 17,9% ha riguardato interventi di prevenzione e trattamenti di base per i malati di Covid-19.

Un nuovo programma di 8 mesi si è avviato allo scopo di fornire una risposta integrata garantendo servizi socio-sanitari, medici e di protezione. Il progetto si realizza in due aree povere, emarginate e vulnerabili della striscia di Gaza: Beit Lahia e Beit Hanoun che si trovano a nord. Caritas Gerusalemme, grazie alle cliniche mobili garantisce aiuti di prima necessità, assistenza sanitaria, analisi cliniche, visite domiciliari.

In particolare i  servizi che vengono assicurati sono:

–          assistenza sanitaria di base e salute materno-infantile a 19.200 pazienti

–          supporto psicologico a 400 persone traumatizzate dalla crisi in corso

–          accesso all’ acqua potabile e distribuzione di serbatoi a 400 famiglie (1.080 individui)

–          contributo in denaro a 400 famiglie (1.080 individui) estremamente povere

 

E’ possibile contribuire con offerte che potranno essere inviate alla Caritas Diocesana di Napoli, indicando nella causale Emergenza Medio Oriente”, utilizzando le seguenti modalità:


Conto Corrente Postale: n°14461800
intestato a “Caritas Italiana Opera Diocesana di Assistenza di Napoli”

 

       Banca Intesa San Paolo:  n°6483 intestato a “Arcidiocesi di Napoli – Caritas Diocesana Napoli” – IBAN:

 PAESE CIN EUR CIN ABI CAB N° CONTO
    IT       60   G 03069 09606 100000006483

       Unicredit SPA: conto intestato a “Caritas Diocesana Napoli” aperto presso l’Agenzia Napoli 19 – IBAN:

PAESE CIN EUR CIN ABI CAB N° CONTO
   IT     56   Q 02008 03451 000400883868

Contanti: presso la Tesoreria della Caritas Diocesana di Napoli, sita in largo Donnaregina, 22, chiedendo di Sergio Alfieri dal lunedì al giovedì dalle 10:00 alle 12:30. La raccolta fondi , Emergenza Medio Oriente,  sarà totalmente inviata a Caritas Italiana.

 

La Caritas Diocesana di Napoli

condividi su